L’ESORCISTA è una bomba anche oggi

Una breve riflessione post-visione odierna del film ritenuto da molti come il miglior horror della storia.

di Carlo Neviani

“Perché Quarto Potere è così osannato? Tutto sto hype per na palla di vetro?”.

Approcciarsi ad una pietra miliare del cinema, vari anni dopo la sua uscita, è sempre qualcosa di stimolante. Sicuramente un’esperienza diversa da quelle contestuali all’uscita nelle sale, preziose perché “ad occhio vergine” rispetto al testamento filmico di un’opera. Chi, ad esempio, oggi vede Guerre Stellari del 1977 per la prima volta non sarà mai affascinato quanto lo furono gli spettatori dell’epoca. Non tanto per l’ovvia aura vintage della pellicola, quanto per il contenuto, che inevitabilmente ha influenzato centinaia di filmmakers negli anni. Lo stesso si potrebbe dire di tantissimi altri film considerati capolavori indiscussi, per approcci inediti in narrazione o per tecniche all’avanguardia, che oggi apparirebbero insipidi ai più. Nel caso de L’esorcista di William Friedkin qualcosa forse si è perso nel tempo: la paura.

Splendida fotografia firmata Owen Roizman e Billy Williams. La luce dalla finestra simboleggia la presenza maligna? Forse più la fede…

Qualcosa era scattato nel 1973 all’uscita nei cinema di The Exorcist, tratto dal bestseller di William Peter Blatty. La gente era traumatizzata, e di conseguenza affascinata dalla pellicola. Polemiche, divieti, una produzione burrascosa e piena di aneddoti infelici, ma soprattutto lo straordinario successo, sia di critica che di pubblico: un’incasso che, tenendo conto del tasso d’inflazione e del prezzo dei biglietti, posiziona il film al nono posto nella storia del cinema, insieme a 10 candidature agli Oscar con 2 premi vinti. Quentin Tarantino racconta, in un’intervista presente in Eli Roth’s History of Horror, che nonostante sua madre gli permettesse di guardare i peggiori film exploitation, alla richiesta di vedere L’esorcista gli fu negato categoricamente. “Come se il diavolo potesse impossessarsi degli spettatori…“. Nel 2020, dopo una lunghissima sfilza di titoli direttamente o indirettamente ispirati, la possessione della ragazzina Regan fa meno spavento, quasi tenerezza per chi è abituato a ben altri picchi di terrore. Inoltre, viviamo in un’epoca di poca fede, sicuramente meno suggestionabile dalla presenza del diavolo. E qui sta il bello…

 

l-esorcista-1973-the-exorcist-08
Questo shot venne sostituito con quello di una Madonna piangente per la prima messa in onda televisiva americana.

L’esorcista non è un film horror. È un film che parla del mistero della fede. Parole del regista. La forza, il cuore della storia sta nell’arco narrativo del giovane padre Karras, nel suo scetticismo e razionalità, scosso dalla perdita della madre, che diviene sempre più un percorso spirituale verso un credo saldo. Saldo come quello di padre Merrin, interpretato dal recentemente scomparso Max von Sydow, che stando al prologo iniziale, ha familiarità con il demone Pazuzu, ipoteticamente evocato dalla bambina con una tavola Ouija. Il fatto che la cornice da film di genere, funga da allegoria per parlare d’altro, mette The Exorcist sullo stesso piano di horror d’autore recenti: Ari Aster, Robert Eggers, Jordan Peele, Jennifer Kent… sono “saliti a bordo” di un treno già partito anni prima. La maestria di Friedkin si nota anche e soprattuto nella gestione dei tempi eccezionale, che riesce a dare grande credibilità ad una graduale discesa agli inferi, che solo nel terzo atto darà luogo al vero e proprio esorcismo di Regan.

 

unnamed
Faccina di Pazuzu aggiunta nella Extended Cut del film.

L’altro aspetto che fa de L’esorcista un film da vedere e rivedere è la molteplicità delle chiavi di lettura. Nonostante centinaia di recensioni, saggi, lezioni dedicategli sembrano inesauribili le interpretazioni e le varie sfaccettature nascoste nella pellicola. Questo grazie ad una messa in scena tutt’altro che didascalica, a tratti non chiara, volutamente non univoca nelle intenzioni. Friedkin saggiamente se ne è fregato di dare risposte a tutto, lasciando il film “respirare da solo”. Un aspetto che personalmente ho trovato interessante è la metacinematografia presente. I riferimenti alla settima arte sono infatti molteplici: Chris, la madre di Regan, è un’attrice di cinema, il regista del suo ultimo film muore e il tenente Kinderman, che indaga sulla vicenda, non fa altro che parlare di cinema. “Mi piace vedere i film, in compagnia, discuterne, criticarli”. Il citare il mondo hollywoodiano potrebbe voler sottolineare il periodo storico, non troppo distante dagli omicidi della setta Manson, che avevano indelebilmente scosso l’industria. Il finale della extended cut, un’aggiunta rispetto alla versione teatrale, chiude con Kinderman che invita l’amico di Karras a vedere Otello al cinema. “L’ho visto” risponde il prete, “Anche tu!” ribatte il tenente. In questo finale alternativo sembra quasi nascondersi una consapevolezza postuma del potere del film stesso, che all’epoca fu, e rubo le parole di Joe Dante, “qualcosa di diverso da qualsiasi altra avessi mai visto”. E anche oggi, nel 2020, rimane unico.

L’Esorcista – Director’s Cut & Theatrical Version

91Q807g9ifL._AC_SL1500_

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.