BEN MENDELSOHN, IL NUOVO VILLAIN-FOTOCOPIA

Un Direttore Krennic è per sempre.

di Alessandro Sivieri

Dopo la celebrità in patria, ovvero l’Australia, il trampolino di lancio definitivo per Ben Mendelsohn a livello internazione è stato Rogue One: A Star Wars Story, dove veste i panni dell’antagonista principale, il Direttore Krennic. Sono passati due anni ma da allora Mendelsohn ha aggiunto altri tasselli al suo percorso attoriale, interpretando un cattivo sempre uguale a se stesso. Il modello replicato all’infinito è proprio Krennic, il cosiddetto villain burocratico, un damerino che ricopre una carica importante e manda avanti i propri scagnozzi, incolpandoli di ogni fallimento. Solo verso la battaglia finale decide di scendere in campo e sporcarsi le mani, andando incontro alla sconfitta con una solenne figura di m…

rogue-one-star-wars-story-ben-mendelsohn-lato-oscuro-dell-australia-speciale-v5-31898-1280x16.jpg

Il fattore Krennic funziona a meraviglia in questo periodo, dove i personaggi positivi sono certosinamente suddivisi tra minoranze etniche ma il cattivo è sempre un bianco di mezza età con un’ambizione distruttiva. Le conversazioni tra produttori di Hollywood hanno tutte il medesimo svolgimento:

 

“Ascolta, ci serve un tizio elegante, con il piglio da nazista ma che sappia anche prendersi in giro.”

 

“Ottimo, chiama Ben Mendelsohn.”

 

“Cosa?! Ma è stato qui il mese scorso per l’altro film…”

 

“Chiamalo ancora!!”

Dopo Rogue One è stato impiegato per dare vita a un altro bad guy in Ready Player One di Steven Spielberg, dove interpreta Nolan Sorrento. Le sue caratteristiche? Un uomo d’affari ricco, arrogante e pusillanime che comanda schiere di sottoposti. È sempre vestito in modo impeccabile e quando imbraccia un’arma, è il momento della sconfitta. Toh, che coincidenza.

robin-hood-ben-mendelsohn-600x386.jpg

Ma non finisce qui, perché da qualche mese circola il trailer del nuovo Robin Hood con Taron Egerton, che con il suo design anacronistico ha tutta l’aria di un King Arthur fatto peggio. Chi ritroviamo nei panni dello sceriffo di Nottingham? Proprio lui, Ben Mendelsohn con il suo portamento da feldmaresciallo. Il suo stesso vestiario sembra preso direttamente dall’armadio di Krennic. Ovviamente ciò che parte dalla Disney ritorna all’ovile, ed ecco che nell’imminente Captain Marvel, dove l’eroina Brie Larson dovrà aiutare i superstiti di Infinity War a sconfiggere Thanos, il nostro Ben potrebbe essere un ufficiale di alto rango dell’esercito degli Skrull, se non addirittura il loro imperatore. Altro cattivo burocratico all’orizzonte?

ready-player-one-ben-mendelsohn-nolan-sorrento.jpg

Il caso di Mendelsohn è quello di un caratterista di mezza età che acquisisce velocemente fama internazionale, un po’ come Christoph Waltz dopo Bastardi senza gloria. Mentre quest’ultimo si è dedicato a progetti diversificati, da tamarrate come I tre moschettieri a indie come The Zero Theorem, Mendelsohn pare essersi adagiato sull’immagine che i produttori (e il pubblico) hanno di lui, il cattivo altolocato con un volto lontano dall’action e da un reale approfondimento psicologico. Come afferma nelle interviste, è un abito che gli sta comodo: interpreta i villain con sicurezza e si diverte pure. Al di là delle scelte attoriali, questo è un sintomo della standardizzazione promossa dalle major, disposte ad andare sul sicuro in ogni aspetto della lavorazione di un film, incluso il casting.

DARK-KNIGHT-RISES_BEN-MENDELSOHN.png

Gli indizi sul destino di Mendelsohn sono scritti nel passato. In The Dark Knight Rises è stato un affarista senza scrupoli, eliminato dallo stesso mercenario che ha assoldato, ovvero Bane. In Exodus di Ridley Scott lo abbiamo visto come viscido viceré che tradisce Christian Bale. Ben non vuole mollare il soprabito e di questo passo ci aspettiamo di vederlo nel prossimo Indiana Jones, nelle vesti su misura di villain spielberghiano che viene ricoperto di mazzate.

exodus-hegep.png

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...