ZOOTOPIA: Una colorata recensione.

ZOOTOPIA: Una colorata recensione.

Una recensione di Matteo Berta

Buonasauro,

Ogni tanto ci piace constatare che la nostra fiducia viene ripagata con un bel film da commentare.

Zootopia_poster_goldposter_com_50

Attualmente al ventisettesimo posto del Boxoffice Worldwide (All Time) con quasi un miliardo di dollari incassati nel mondo, Zootopia si presenta come la sorpresa d’animazione di quest’anno. Tutti noi eravamo rimasti incuriositi quando uscì il primo spassoso trailer che mostrava i bradipi alla motorizzazione.

6359289402366676681737253780_01

La Disney torna per la terza volta, dopo Robin Hood e Chicken Little, a raccontarci una storia basata su animali antropomorfi, ma lo fa con una diversa luce negli occhi, non si limita a trasporre la componente animale in una storia da vicissitudini umane, ma attua ciò con una elegante nonchalance, riuscendo a missare la “normalità” di una metropoli animale con una plot poliziesco colmo di citazioni ad iconici film del passato e contornato dalle solite morali immancabili di stampo Disney che al contrario della maggior parte delle produzioni, qui vengono esposte in un’economia filmica adeguata ad una storia leggermente più matura dei famosi classici del genere.

tumblr_o1d8028yZU1qk9eg1o2_r1_540

Michael Giacchino dopo essersi spremuto fino in fondo per elaborare un ottimo lavoro con la colonna sonora di Jurassic World, si è limitato ad aggiustare le (molto probabilmente) partiture scartate dal film giurassico per quanto riguardata Tomorrowland e in questo particolare caso arriva stremato a fine corsa e non riesce ad incidere in nessuna delle scene che, se ci fosse stato un John Powell di turno, avrebbero acquisito una potenza emozionale non da sottovalutare.

picture-of-zootopia-frozen-scene-photo

Le migliori sequenze del film sono quelle che semplicemente si limitano a descrivere la struttura sociale di quella fantasmagorica Zootopia (o Zootropolis) che sembra voler parodizzare le distopiche città mostrare in film come Blade Runner creando utopici habitat “naturali” e riflettendo su grandi metafore derivanti dalla civilizzazione delle persone che fondamentalmente restano animali sociali, quindi tanto vale mostrarli come animali. La storia principale è divertente, ben scritta e non si perde in stupidate.

Mi sarebbe piaciuto un finale meno alla High School Musical, ma non si può quasi mai fare l’en plain.

Lo vedano.

Zootropolis (Ltd Steelbook) (3D) (2 Blu-Ray+Blu-Ray 3D)

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...