IT: CAPITOLO 2 – Autocitazioni da record

Ritorno a Derry con nostalgia artificiale e contorno di Pennywise.

di Alessandro Sivieri

Si conclude con questo secondo episodio la parabola dell’horror con i maggiori incassi della Storia del cinema. It di Andrés Muschietti non ci aveva convinto, ma è riuscito indubbiamente a fare presa sulle masse, sfornando quello che a tutti gli effetti è un blockbuster sull’opera di Stephen King, autore non proprio facile da adattare per l’audiovisivo. Il suo pagliaccio Pennywise, già incarnato da Tim Curry negli anni ’90, è amato dalla cultura popolare per la sua complessità: non è solamente un pagliaccio assassino (anche se predilige questa forma), ma la rappresentazione di tutto ciò che è malvagio, un’entità cosmica che esisteva prima dell’universo stesso e che ha un legame simbiotico con la cittadina di Derry, dove terrorizza le prede – in particolare i bambini – materializzando le loro paure, per poi divorarle. La seconda parte del dittico mantiene buona parte dei difetti della prima, in primis lo spreco dell’attore Bill Skarsgård. Il suo Pennywise può contare su un design e un make-up davvero efficaci,  ma la produzione tende a ricoprirlo di CGI a buon mercato per esasperare le sue facoltà di mutaforma, facendogli aprire in due la faccia e trasfigurandolo in lebbrosi, volpini e altre amenità.

Un peccato, poiché la morfologia del pagliaccio, insieme alla recitazione di Skarsgård, sarebbe già stata sufficiente per spaventare senza l’uso di orpelli grafici. In un paio di scene, tra cui l’assassinio di una bambina e una visione di Beverly adulta (Jessica Chastain), il giovane interprete ha alzato di parecchio l’asticella di questo villain, che poteva essere dosato in modo più astuto e controllato. Azzeccato è anche il casting dei Perdenti cresciuti, che presentano delle buone dinamiche di gruppo: James McAvoy si destreggia tra balbuzie e senso di colpa, la Chastain si fa apprezzare come elemento femminile potente e segnato dagli abusi, mentre i comprimari Bill Hader e James Ransone hanno le battute migliori e tengono alto il ritmo senza togliere credibilità ai rispettivi personaggi. Non se la passa altrettanto bene l’ex-obeso Ben (Jay Ryan), coinvolto in una friendzone ventennale e ridimensionato a bellimbusto. Il vero guaio del film è però un costante riciclo di scenari ed espedienti, la compiaciuta autocitazione di un’opera che vuole ridare in pasto al pubblico ingredienti già digeriti, ovvero il cast giovanile.

Analogamente al predecessore, la parte centrale si divide in avventure solitarie dei protagonisti, che devono confrontarsi con sinistre visioni di Pennywise, da essi “cambiato” sulla carta ma concretamente ridotto al medesimo antagonista di 27 anni fa. Il confine dei suoi poteri, ancora una volta, viene tracciato con incertezza, poiché a parte le allucinazioni, non è chiaro cosa possa fare o non fare It nel mondo materiale, incluso imbrattare ponti ed evocare autisti zombie che poi scompaiono nel nulla. A sconnettere ulteriormente il tessuto narrativo ci pensano diversi flashback dei giovani Perdenti: non tutti aggiungono profondità al vissuto dei protagonisti e la loro aura idilliaca fa assomigliare gli eventi del presente a una terapia di gruppo per ex-amici in crisi di mezza età. Vi sono citazioni abbastanza fedeli al romanzo, tra cui la gigantesca sagoma di legno, il rituale collettivo e l’aggressione alla coppia omosessuale, ma il finale rende pienamente l’idea della difficoltà nell’adattare un libro così sfaccettato e a tratti onirico.

Nessuno si aspettava una riproposizione letterale degli avvenimenti cartacei, dato che una proiezione mentale tra Macroversi e Tartarughe galattiche sarebbe stata difficilmente filmabile, ma le soluzioni del comparto scritturale si inceppano in uno scontro finale eccessivamente lungo e poco avvincente. Pennywise tortura i protagonisti a colpi di artigli e ricordi adolescenziali materializzati nella sua non-dimensione spaziale, mentre questi ultimi decidono di reagire insultandolo a morte. Il povero clown è destinato a fare la fine di un Molliccio qualunque. Ogni tanto scatta una scintilla di fascino, ma generalmente lo spettatore viene lasciato con poca paura, riflesso del poco coraggio della regia nel cercare soluzioni visive meno trash e una maggiore concentrazione nel raccontare i traumi di questi adulti, senza doverceli forzatamente riproporre come in una recita scolastica. Penalizzati perfino gli ambienti, su tutti Derry stessa e le fognature, che non hanno il tempo di esprimere una qualche atmosfera senza che ci si rinchiuda in caverne alla Prometheus o stanze polverose. Ecco che, mentre galleggiavamo in una pozza nera di autoriciclaggio, due ore e mezza sono sembrate sei.

Qui potete trovare la nostra reazione a caldo appena usciti dalla sala!

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. The Butcher ha detto:

    Ci sono parecchie persone che stanno criticando questi punti di It capitolo 2. Non l’ho ancora visto ma vedendo quante persone concordino su tutto ciò inizio a preoccuparmi.

    Mi piace

    1. Monster Movie ha detto:

      Dal lato visivo c’era tutto il potenziale ma secondo noi è un abuso unico di CGI con un racconto un po’ troppo frammentato.

      Mi piace

  2. Austin Dove ha detto:

    Le metamorfosi sono necessarie, la sua figura si basa su quelle^^
    Devo ancora vederlo, ho letto molto velocemente:)

    Mi piace

    1. Monster Movie ha detto:

      Le metamorfosi nel libro erano più tattiche e si basavano su figure mainstream come l’uomo lupo o Frankenstein, che ovviamente per motivi di licenze o di impostazione produttiva non puoi mostrare nell’adattamento. Il problema è concepire una figura di Pennywise che funzioni al cinema indipendente dal libro e secondo un punto di vista solido: se il trucco funziona a meraviglia ma la CGI è sovrabbondante o non all’altezza, piuttosto minimizza le trasformazioni e lavora meglio con la fisicità dell’attore e gli strumenti che hai già a disposizione. In questo modo ottieni un personaggio efficace e che spaventa, senza dovergli deformare il corpo ogni 5 minuti.
      Poi facci sapere cosa ne pensi quando esci dalla sala.
      – Alessandro

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...