ALIEN – IL BESTIARIO DELLA SAGA

di Alessandro Sivieri

bestiari cover

Perché lo Xenomorfo ha popolato gli incubi di così tante generazioni? Perché tutto ciò che lo riguarda alimenta le nostre peggiori paure: quella del buio, del soffocamento, dei parassiti, della violenza, della morte e dello stupro.

family_by_delta122-d6ulpv6

Ogni elemento del suo aspetto e del suo ciclo vitale ha pesanti implicazioni sessuali ed è stato pensato per metterci a disagio. Non è un banale mostro zannuto, è un aguzzino perverso che agisce in modo imprevedibile e viola la nostra intimità. È proprio ciò che non riusciamo a comprendere che ci spaventa di più, specie se ci ritroviamo a immaginare le cose orribili che potrebbe farci, senza poter decifrare con chiarezza i suoi pattern comportamentali. Insomma, un nemico invincibile sul piano psicologico.

xeno covenant hot scott3-alien

Dopo un periodo incerto e tumultuoso, gravato da crossover tamarri con Predator, il 2017 sarà l’anno degli Xenomorfi old school. Ridley Scott, regista dell’originale datato 1979, torna nelle sale con Alien: Covenant, sequel del discusso Prometheus che avrà il compito di rispondere a molte domande e ridare una presenza scenica decente alle nostre adorate creature. L’Alien Day ci ha offerto qualche gustoso assaggio, con la proiezione del primo film rimasterizzato, un videomessaggio di Scott e alcune scene in anteprima del nuovo episodio. Ciò che abbiamo visto finora ci fa ben sperare, oltre ad aver rievocato quell’atmosfera disturbante che tanto ci piace. Quello creato da Giger e Rambaldi circa quarant’anni fa è forse il mostro più spaventoso di sempre (qui la recensione del film), una bestia che dopo i primi tempi di gloria ha attraversato decenni di omaggi, parodie e seguiti altalenanti. Ha spesso cambiato forma ma è sempre lì, pronta a rinascere da qualche sfortunata vittima per terrorizzarci.

Alien Anthology (4 Blu-Ray)

alien anthology blu ray amazon_

La serie di prequel sta gradualmente introducendo nuove creature, prendendo spunto dal passato, da bozzetti scartati e dalla necessità di raccontare la genesi dell’alieno definitivo, quello affrontato dalla Ellen Ripley di Sigourney Weaver. Siamo ansiosi di vedere in azione Protomorfi e Neomorfi, e per calmare l’attesa abbiamo pensato a un bel riepilogo, un elenco di tutte le incarnazioni di Alien apparse al cinema, con tanto di cenni biologici e qualche curiosità. È nato prima l’uovo o lo Xenomorfo? Chi lo sa, chiedetelo a Scott. Intanto abbuffiamoci di viscidume:

EGG / OVOMORPH

Egg1

Il primo essere vivente incontrato dalla spedizione della Nostromo nel film del ’79. L’uovo è inerte, ha una consistenza rugosa e contiene un Facehugger pronto a lanciarsi sul malcapitato al momento opportuno. Al suo interno troviamo anche secrezioni e altro materiale organico. Sembra essere in grado di avvertire la presenza di un potenziale ospite attraverso stimoli tattili, sonori o di altro tipo, aprendosi per liberare il proprio contenuto. Può resistere per molto tempo a condizioni avverse, in modo da assicurare continuità alla specie.

Egg2

Viene deposto dalla Regina oppure, come mostrato nel director’s cut di Alien, svilupparsi dal corpo di una vittima attraverso un procedimento chiamato Eggmorphing.  Secondo le intenzioni di Giger doveva somigliare più marcatamente a una vulva, ma in seguito alle preoccupazioni dei produttori ne raddoppiò le labbra.

FACEHUGGER

Facehugger1

All’apparenza molto simile a una mano, a un polpo e a un insetto, questo organismo aggredisce la vittima attaccandosi alla sua faccia, serrandole la coda intorno al collo e mandandola in coma. Possiede un’appendice viscosa a forma di tubo che scorre nell’esofago dell’ospite per consentire l’impianto di un embrione. L’organismo invaso viene rifornito di ossigeno per impedirne il decesso prematuro.

Facehugger2

Pur essendo solo un inseminatore, questo stadio dell’Alien è molto veloce e resistente. Dimostra anche una moderata intelligenza, essendo in grado di nascondersi e tendere agguati. Il suo unico strumento di difesa è il sangue acido che caratterizza la specie. Dopo aver rilasciato l’embrione, il Facehugger si stacca dalla vittima e termina il proprio ciclo vitale, morendo.

CHESTBURSTER

Chestburster1

Dotata di una lunga coda, denti aguzzi e arti appena abbozzati, questa versione infantile dello Xenomorfo cresce come un embrione nel corpo dell’ospite, per poi venire al mondo sfondandone violentemente la cassa toracica. È forse lo stadio più fragile dell’Alien e tende a cercare un nascondiglio sicuro per raggiungere l’età adulta.

Chestburster2

Cresce in modo spaventosamente rapido, mutando la pelle fino a quando non raggiunge dimensioni notevoli. Non si conoscono i segreti del suo metabolismo ma è assodato che, oltre a nutrirsi del suo ospite tramite una sorta di cordone ombelicale, sia in grado di assumerne alcuni tratti anatomici (vedasi la differenza tra un Drone e un Runner, nati da specie diverse).

DRONE

Drone1

Lo Xenomorfo per eccellenza. L’esemplare adulto comparso nel primo film è forte, veloce, astuto e spietato. Non teme nulla ed è in grado di sfruttare l’ambiente a proprio vantaggio. Come gli altri stadi della sua crescita riflette le suggestioni sessuali e lovecraftiane dell’opera di Giger. Questa creatura incarna ciò che sulla Terra non è mai esistito: un perfetto predatore di esseri umani. L’aspetto più inquietante del suo design è l’assenza di occhi (i quali a livello metaforico sono lo specchio dell’anima), che rende la vittima incapace di decifrarne lo sguardo e prevederne le mosse.

Drone2

Come i suoi simili, possiede un secondo paio di fauci retrattili che usa per uccidere o tramortire le prede. Rispetto ai Warrior apparsi in Aliens, il Drone sembra essere più astuto e incline ad agire di nascosto. È anche in grado di riprodursi in modo autonomo, senza l’aiuto di una Regina, trasformando le vittime in uova. La versione del 1979 era interpretata da Bolaji Badejo, uno studente nigeriano alto più di due metri.

WARRIOR

Warrior1

Questa tipologia di Alien ha debuttato in Aliens di James Cameron. A differenza del Drone, il Warrior ha il cranio ricoperto di spine e increspature, e ha un atteggiamento più aggressivo. Nel film li vediamo attaccare i protagonisti in massa, comportandosi come i membri di uno sciame. Sono estremamente resistenti e possono aderire a diverse superfici.

Warrior2

L’aspetto del Warrior è frutto di una scelta del regista, che reputava il cranio liscio del  Drone troppo fragile per le scene di combattimento. Una teoria, parzialmente confermata da Cameron stesso, sostiene che il Warrior sia in realtà una trasformazione raggiunta dal Drone durante l’invecchiamento.

QUEEN

Queen1

La mente che comanda l’alveare è anche lo Xenomorfo più pericoloso mai visto. La Regina è colei che depone le uova, protetta dallo sciame. Oltre a essere molto più grande dei suoi sottoposti, ha una larga placca ossea sul capo e quattro arti superiori.

In Alien: Resurrection, per via del processo di clonazione, sviluppa un utero umano.

Queen2

Solitamente rimane celata nelle profondità dell’alveare, collegata a un gigantesco ovopositore. In caso di emergenza può separarsi da esso e diventare una combattente temibile. Giger non venne coinvolto nella creazione della Regina, ma apprezzò molto il risultato finale.

Neca Aliens Xenomorph Alien Queen Ultra Deluxe Boxed 15″ Action Figure

81sf9q-uZIL._SL1500_

ROYAL FACEHUGGER

Royal1

Apparso solo nell’Assembly Cut di Alien 3, è un Facehugger più grosso e resistente della media, dotato di membrane viscose in mezzo agli arti. Ha la possibilità di impiantare più embrioni prima di morire, e almeno uno di questi darà vita a una Regina.

Royal2

David Fincher, dopo aver abbandonato i lavori in seguito a rapporti tumultuosi con la produzione, ha più volte disconosciuto il film e non è stato consultato per la creazione di questa versione estesa, che ha lo scopo di dare più coerenza alla storia,  avvicinandola alla sua visione originaria. Nella trama modificata il Royal Facehugger, dopo aver impregnato Ripley con una Regina, riesce a posizionare un altro embrione all’interno di un bue prima di terminare il suo ciclo vitale.

QUEEN CHESTBURSTER

Queenburster1

La forma larvale della Regina che si sviluppa dopo l’impianto del Royal Facehugger. Si presume che abbia tempi di gestazione più lunghi rispetto a un normale Chestburster. Cresce dentro Ellen Ripley durante il terzo film, ma verrà al mondo proprio nell’istante in cui in quest’ultima decide di suicidarsi, gettandosi nel metallo fuso.

Queenburster2

In Alien: Resurrection verrà clonata insieme a Ripley grazie al recupero di una goccia di sangue, ed estratta chirurgicamente dal suo petto. Raggiungerà l’età adulta in cattività, dopo aver assimilato parte del DNA umano della sua ospite.

RUNNER CHESTBURSTER

Chestrunner1

È lo stadio infantile del Runner, appena dopo la nascita da un cane o da un bue. A differenza degli altri Chestburster, ha un grado di maturazione più avanzato, presentando arti già formati e muovendosi a quattro zampe.

Chestrunner2

Essendo vulnerabile, si comporta analogamente agli esemplari visti in precedenza, cercando un nascondiglio sicuro per raggiungere la forma adulta. Nell’Assembly Cut è possibile vederlo a figura intera, sebbene generato in CGI.

RUNNER / SCOUT

Runner1

Il Runner compare in Alien 3, generato da un cane. Nell’Assembly Cut cresce invece dentro un bue. Essendo nato da un quadrupede, si muove principalmente a quattro zampe. Può aderire a svariate superfici ed è molto più agile e veloce rispetto alle altre varianti di Xenomorfo. Tuttavia sembra dimostrare un’intelligenza minore, caricando le prede alla cieca.

Runner2

Forza e resistenza sono paragonabili a quelle dei suoi simili, infatti riesce a sopravvivere a un bagno nel metallo fuso che avrebbe ucciso qualunque altro essere vivente. La schiena è priva di appendici dorsali in modo da agevolare la mobilità della testa.

CLONED XENOMORPH

Cloned1

Il Clone è una versione mutata del Drone, che incontriamo in Alien: Resurrection. Essendo nato da una Regina ibridata con Ellen Ripley, possiede una sconosciuta percentuale di DNA umano ed è perciò un’aberrazione della sua specie.

Cloned2

Può assumere una postura bipede o quadrupede a seconda delle necessità e presenta una sorta di pinna all’estremità della coda, che lo rende un eccellente nuotatore. Grazie alle alterazioni genetiche è dotato di ottime capacità di analisi e apprendimento, risultando più intelligente dei suoi cugini purosangue. Può sputare getti di acido ed è molto rapido, al punto di riuscire a schivare colpi di arma da fuoco.

NEWBORN

New1

Il Newborn nasce dall’utero della Regina ibridata con Ellen Ripley e rappresenta uno stadio avanzato di fusione tra umano e Xenomorfo. I suoi tratti sono molto più umanoidi: la pelle è pallida e grinzosa, la testa è più compatta, sono presenti occhi, naso e una lingua non dentata. Anche la dentatura è più simile a quella dei mammiferi.

newborn1

L’esoscheletro tipico dei suoi predecessori scompare per fare posto a un ventre più liscio e muscoloso, con tanto di capezzoli. La conformazione dei genitali, per quanto abbozzata, fa pensare a un esemplare femminile. La forza fisica è paragonabile a quella degli altri Xenomorfi, mentre l’intelletto è a un livello più infantile, unito alla capacità di provare emozioni come paura e affezione.

1ff3b2050a6a7bdcf1b04fe4f8bf7769

Vi è piaciuto il ripasso? Dopo aver rivisto in poche righe quasi 40 anni di orrori, non ci resta che attendere Alien: Covenant con i suoi Xenomorfi primordiali, che dovrebbero portare una ventata d’aria fresca al franchise. Una volta visto il nuovo film, proseguiremo il bestiario aggiungendo tutte le creature viste nei prequel. Restate all’erta e non perdete di vista le fottute pareti.

Qui trovate la seconda parte del bestiario dedicata alle specie viste nei prequel :

ALIEN – IL BESTIARIO DEI PREQUEL

Se vi è piaciuto questo bestiario vi consigliamo anche il nostro FAR CRY: PRIMAL (Guida & Bestiario)

Alien Anthology (Premium) (4 Blu-Ray)

alien blu ray amazon buy hot ripley_

Prometheus (Blu-ray singolo)

71-5LItn5wL._SL1024_

22 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...